• globtelmaildem

TIM e Iliad: avanza l’ipotesi fusione




La vicenda TIM sta facendo discutere in tutto il mondo, dall’Italia agli Stati Uniti passando per la Francia, patria del primo socio di TIM Vivendi e di iliad, diretta concorrente dell’azienda italiana che potrebbe giocare un ruolo fondamentale nella partita dell’acquisizione.

Stando ai rumor rimbalzati su alcuni media francesi – primo fra tutti il canale all-news BFM TV – l’offerta di acquisto da parte del fondo americano KKR vedrebbe tra i beneficiari Xavier Niel, fondatore e patron del Gruppo iliad. In realtà, Niel è una vecchia conoscenza anche di casa Telecom, come ricorda un articolo di oggi del Sole 24 Ore: “Era entrato contemporaneamente all’arrivo di Vivendi, salvo poi smontare, nel 2018, la posizione su Telecom che ne faceva un azionista potenziale al 10-15%


Oltre a ciò, l’imprenditore francese è consigliere di KKR da quasi quattro anni, il che fa pensare a un certo interesse di Niel rispetto all’azione del fondo che potrebbe presto inglobare il suo principale competitor sul mercato italiano. Non solo: il sogno di Niel sarebbe quello di agevolare la fusione tra iliad e TIM e così ingrandire il suo giro d’affari, anche se per ora si tratta soltanto di voci tutt’altro che confermate.


La presunta fusione tra i due operatori sarebbe da realizzare entro i prossimi cinque anni. Alla base della speculazione, c’è anche la questione relativa alla “rivalità” tra Niel e Vincent Bolloré, presidente della già citata Vivendi, tanto che Bfm Business, il principale notiziario economico di Francia, parla addirittura di “duello a distanza” tra i due imprenditori che si starebbe disputando senza troppo rumore su suolo italiano.

(crediti:https://www.tomshw.it/smartphone/tim-e-iliad-avanza-lipotesi-fusione/)

14 visualizzazioni0 commenti